Welome to Jamaica

Home / Posts tagged 'Is Jamaica dangerous'
Manu | 3 April 2016 | 2 comments


Jamaica, Bob Marley

Bob Marley , an icon of a country we barely know anything about…

What do I know about Jamaica? Before this trip, I knew Bob Marley, reggae and rasta concepts, weed plantations and not much more.

Jamaica was one of those mythical lands that belongs to our imagination, full of stereotyped images that makes us love a place more for what it represents than for how it really is.

Now, after 10 days on the road of this amazing country, I can tell you a bit more about it, so let’s cancel the stereotypes we know and start looking at Jamaica with new eyes.


Jamaica, Kingston

Kingston’s market, downtown.


Yes, Jamaica is not the safest place in the world, but some common sense will make you able to walk around everywhere without much troubles. Many people travel to Jamaica alone, that means it is still possible to do it, but said that, you need to keep your eyes well opened , especially if you are a woman. Keep in mind that you are a tourist, and white. And therefore visible. Youa re not one of them, but you can make some efforts to look like, and this will make your life easier. Dress not to impress. Dress to camouflage yourself. And try to look “dodgy”, I call it “gangster style”, that is Jamaican style. It won’t make you become invisible, but it will help a bit not to be harassed at every corner of the street. Also, wear sunglasses all the time. It will help you to avoid eye contact, which is the main mean of approach by Jamaican people. Don’t wear fancy clothes or jewels,and don’t go around with your mobile or camera in your hands. If you want to take a photo, get your camera out, shot it and take put it back. You will avoid a lot of unwanted attention, especially by men. And, the good old advice not to go around alone at night, especially in isolated places, is always valid and works all the times. Common sense will help you to make it safe, but relax also and enjoy the vibes. Don’t be too aggressive to people harassing you, else you will never get rid of them, but let them understand you are not interested. Call them “man”, use their slang, feel integrated in their world and you will be ok and even be able to gain their respect. Yaman!

Bob Marley, Jamaica

Bob Marley’s former house, now a museum, in Kingston


Jamaica is not only reggae. Not at all.

The music you will listen loud everywhere is mainly hip hop and dance hall. That’s what most Jamaicans love.. They love to listen to it very loud everywhere, from the streets to the taxis or the minivans, but also in the bars or in their wild parties. They simply love hip hop. It is their social music. This doesn’t mean they don’t listen to reggae, but this kind of music is more for their relaxing moments, mainly at home. Or it is the music they play in bars for tourists. Every tourist company on the island will play Bob Marley when there are tourists. As usual, it is them who create the stereotype we are used to imagine.

Jamaican, jerk chicken

Jerk chicken is the most famous and delicious Jamaican dish


Jamaican food is awesome, if local. Impossible to resist to jerk chicken or pork, festivals, patties or fried plantain. And not to talk to all the different kinds of weird fruits available in every corner of the street, like star apples or akee. After a couple of days in Jamaica, you start to recognize the smell of jerk chicken from far away and you will crawl for it.

But there is one think you don’t expect in Jamaica: the big amount of junk food and fast food companies, all around . Every place, even the smallest village in the middle of nowhere, has a fast food place, called by local restaurant, that often sells the same food you can find in the streets, but at a higher price and most probably frozen. Not to talk about Burger Kings in all the major cities and tourist spots, opened maybe to attract tourists that actually prefer to go local while these fast food places are actually full of locals. It doesn’t make any sense at all. The food is definitely worse than the Jamaican street food, and it is more expensive.



Jamaicans: a world themselves


People of Jamaica! A book would be needed only to talk about them.

They aways manage to surprise you, with their messy and noisy presence.

Useless to say, if you are a solo female traveler, you will be object of attention from almost every Jamaican man you will meet in the street. Men love to get your attention and to bother women. It is something you have to get used to it and not give a lot of importance, to survive. It is very similar to Africa. Women are instead more reserved and they can be super gentle, especially to other women or they can just ignore you, like it happens most of the time. But when you don’t expect it, you suddenly meet some of the greatest characters ever. And this makes you get peace with all of them. In general, Jamaicans are cool.



A funny peanut shop in Port Antonio


Jamaica is an expensive country. Considering most of the people earn an average of 50 USD per week, the Westernised prices for everything are way too expensive for locals, and for tourists too.

After the flight, the biggest expense is the accommodation, that never goes under 15 USD. Even the food is pretty expensive for the place where you are and for what you eat. A portion of jerk chicken, with no sides and no drinks, bought in the streets, costs about 4USD. Transportations are expensive too, but there is a cheap option for this, and it is the local minivan that cross all the country. You will be squeezed in the middle of 40 people, but it will cost you 1/3 of what you would pay with an official bus.

Shared taxis are another cheap option that ill bring you around every town and village you will be going and that will make you spare money.

Ocho Rios, Jamaica

People relaxing in Ocho Rios


Unlikely its neighbor Cuba, Jamaica doesn’t have anything to do with Latin or Central America. Jamaica is Caribbean, and most of all it is African.

There is so much that resembles and reminds of Africa over there. Starting from the social life and approach to life, lived outside and shared with others. As soon as you step into a market in Jamaica, you will recognize features seen down in Western Africa. It is incredible to see and think that this people have managed to keep, build and develop a world that is so similar to the one they originally come from, and that is thousands of kilometers away on the other side of the ocean. Jamaica is African in many aspects, from the way of transports to the food, the houses and the mind set. It took me only a day to fit in that again, I just had to take the time to remember how Africa was and then I was in it again. It is like centuries of English domination have done nothing to the real soul of these people, to their identity and to their nature. I love and respect them a lot for this. Their culture is a strong one, with a world that it is all theirs. They get influences from outside but their Jamaican feeling they are so proud of is very strong and doesn’t get corrupted by outsiders. They have their own food and music and they love it. They speak about the rest of the world, but then they deeply love their country and they are proud of talking about it. They are independent and free, and different from the rest of the world. When you leave the country and you see Jamaica disappearing under your plane among the clouds, you have a feeling you are not only leaving an island, but leaving an entire parallel world that has nothing to do with the rest. This must be the real secret of this country and the reason why you either love it or hate it, but when you love it, you end up loving it forever.


In Jamaica

Traveling with the Jamaicans is an adventure!



Cosa so della Jamaica? Prima di questo viaggio conoscevo Bob Marley, i concetti di reggae e rasta, l’erba e non molto altro.

La Giamaica è uno di quei posto mistici che appartengono alla nostra immaginazione, pieno di immagini stereotipate che ci fanno amare un posto più per quello che rappresenta che per come è in realtà.

Ora, dopo dieci giorni sulle sue strade, posso dire di saperne u pochino di più, perciò cancelliamo gli stereotipi che conosciamo ed iniziamo a vedere la Giamaica con nuovi occhi.

Jamaica, Kingston

They say downtown Kingston is not the safest place of Jamaica, but if you use common sense while visiting it, you will discover a new world!!


Si, la Giamaica non è il posto più sicuro al mondo, ma un po’ di buonsenso può aiutare a camminare per strada senza troppi problemi. Molte persone vanno in viaggio in Giamaica da soli, e questo significa che è possibile farlo, anche se , ovviamente, ci sono delle accortezze a cui badare, specie se si è donna.

Prima cosa, ricordate che siete dei turisti, e bianchi. E per questo visibili. Non siete parte di loro, ma potete forse qualche tentativo per sembrarlo un poco, e questo può rendere la vostra vita molto più facile.

Non vestitevi per fare impressione ed attirare l’attenzione. Vestitevi per mimetizzarvi tra di loro. Provate a sembrare poco affidabili, io lo chiamo “gangster style”, alla fine è lo stile giamaicano. Non vi renderà invisibili, ma vi aiuterà a non essere aggrediti ad ogni angolo della strada.

Inoltre, indossate occhiali da sole. Sempre. Vi aiuterà ad evitare il contatto visivo, che è il metodo di approccio preferito dei giamaicani.

Non indossate vestiti griffati o gioielli, e non andate in giro con cellulari o macchine fotografiche in mano. Se volete fare una foto, tirate fuori la macchina e fatela, e poi rimettetela dentro. Eviterete molte attenzioni non volute, soprattutto da parte del pubblico maschile. E il buon vecchio adagio di non andare in giro di notte da soli, soprattutto nelle aree isolate, funziona sempre. Il buonsenso vi aiuterà a farcela sani e salvi ma rilassatevi anceh e godetevi le buone vibrazioni.

Non siate troppo aggressivi con le persone che vi aggrediscono, altrimenti non vi libererete mai di loro, ma fategli capire che non siete interessati Chiamateli “man”, usate il loro slang e sentitevi integrati nel loro mondo e andrà tutto bene e guadagnerete anche il loro rispetto. Yaman!

Jamaican music

Real parties with Jamaicans are not for sissies!!!


La Giamaica non è solo reggae.

La musica che la stragrande maggioranza delle persone ascolta ovunque è hip hop e dance hall. Questo è ciò che i giamaicani amano. E amano ascoltarla ad alto volume, ovunque, dalle strade ai taxi, ma anche nei bar o nelle loro feste selvagge. I giamaicani semplicemente amano l’hip hop, è la loro musica sociale.Questo non significa che non ascoltino il reggae, come noi immaginiamo, ma certamente questo tipo di musica è più per i loro momenti di intimità a casa. O è la musica che suonano nei bar per turisti. Ogni compagnia di viaggio avrà Bob Marley alla radio per i turisti. Sono loro che creano lo stereotipo a cui noi siamo abituati.

Jamaican food

Jerk Chicen, Festivals and Fried Plantain, together with a Red Stripe Beer. Jamaican happiness!!!


Il cibo giamaicano è delizioso, se locale. Impossibile resistere a pollo jerk, ai festivals, patties o alle banane fritte, le mie preferite. Per non parlare di tutti i tipi diversi di frutta esotica che si trovano ad ogni angolo della strad, come star apples or akee. Dopo un paio di giorni in Giamaica, inizierete a riconoscere l’odore del cibo jerk da lontano e morirete dalla voglia di mangiarlo di nuovo.

C’è solo una cosa che non vi aspettate dalla Giamaica, ed è la gran quantità di compagnie fast food ovunque.Ogni posto, anche il più piccolo villaggio, ha un suo fast food, chiamato dai locali ristorante, che spesso vende lo stesso cibo che si trova per strada, ma a prezzi più alti e di qualità peggiore.

Per non parlare di McDonalds e Burger Kings in tutte le maggiori città e siti turistici, aperti forse per attrarre i turisti, che invece hanno finito per scegliere i prodotti locali, ed invece riempitisi di gente locale. Il cibo definitivamente è peggiore del cibo giamaicano e costa di più eppure la gente del posto lo mangia. E questo non ha alcun senso, ma ahimè è la realtà.



With Elizabeth, my couch surfing host in Kingston. Amazing person!!!


Gente di Giamaica!!!! Un libro non sarebbe abbastanza per parlare di loro.

Uno di quei popoli che riesce sempre a sorprenderti, con la loro caootica e rumorosa presenza.

Inutile dirlo, se sei una donna che viaggia da sola sarai oggetto di attenzione dalla maggior parte degli uomini giamaicani che incontrerai per strada.

Gli uomini amano attirare l’attenzione per dare fastidio ad una donna. Questa è qualcosa a cui ci si può solo abituare e a cui ci si abitua a non dare troppa importanza. E’ molto simile all’Africa. Le donne sono più riservate e o sono gentili o non prestano attenzione alla tua presenza. Per fortuna quando non te lo aspetti, all’improvviso incontri il personaggio del viaggio, e questo ti fa fare pace con tutti loro e con il resto del mondo che ti circonda.


Kingston, jamaica

Markets sights


La Giamaica è cara. Considerando che la gente normale guadagna una media di 50 dollari a settimana, i prezzi esorbitanti da mondo occidentalizzato sono cari, non solo per i locali ma anche per i turisti.

Dopo il costo del volo, la cosa più cara è certamente il pernottamento, che non scende mai sotto i 15 dollari.

Persino il cibo è caro per il posto dove sei e per ciò che mangi. Una porzione di pollo jerk, senza contorni e senza bibita, comprato per strada, costa sui 4 dollari.

E poi ci sono i trasporti, che sono costosi, ma che hanno l’alternativa più economica, anche se scomoda, dei minivan che, riempiti fino all’impossibile, ti portano in giro per l’isola a poco prezzo.

Parlerò più in dettaglio dei trasporti e di come viaggiare in Giamaica a poco prezzo in un prossimo articolo sul blog.


Jamaica resembles so much a West Africa country


Diversamente dalla sua vicina Cuba, la Giamaica non ha niente a che vedere con L’America latina e la sua cultura. La Giamaica è caraibica e soprattutto è africana. C’è così tanto che ricorda somiglia all’Africa laggiù. A cominciare dalla vita sociale e l’approccio ala vita in generale, che va vissuta fuori, all’aperto e condivisa con gli altri.

Appena si entra in un mercato giamaicano, specie quello di Kingston, si riconoscono caratteristiche tipiche dei mercati dell’Africa Occidentale. E’ incredibile come questa gente sia riuscita a conservare e sviluppare un mondo che è così simile al mondo che si sono lasciati alle spalle secoli fa, dall’altro lato dell’oceano.

E’ come se secoli di dominazione inglese non hanno scalfito affatto la vera anima di questo popolo, la loro identità e la loro natura. Li amo e li rispetto molto per questo.La loro cultura è forte, con un mondo che è solo loro. Il mondo circostante li influenza ovviamente, però il loro sentirsi giamaicani di cui vanno così fieri non viene corrotto dagli outsiders.

I giamaicani amano parlare del resto del mondo, ma poi amano profondamente il loro paese. Sono indipendenti e liberi, e diversi dal resto del mondo.

Quando si lascia il paese in aereo e si vede l’isola scomparire ai propri piedi, si ha l’impressione di stare per lasciare un universo parallelo che non ha niente a che vedere con il resto.E forse è questo il vero segreto di questo paese e suo popolo e il motivo per cui lo si ama o lo si odia, ma quando lo sia ama, si finisce per amarlo per sempre.