Home / Blog / Elisa and Alessandro honeymooning around the world
Manu | 2 September 2013 | 2 comments


Elisa and Alessandro got married last year in Italy and immediately after their wedding they left everything, their house, their jobs, their life, t start the most amazing of all their adventures: their honeymoon, a fantastic 1 year overland travel across the world. From the beauty of tidy Europe to the wildnerness of Mongolia and Patagonia, they decided to share with us the most unforgettable 1st impression of a lifetime experience!


On the day of arrival, in Verona, Elisa  and Alessandro realized they had really made it crossing the world withouth catching any flight

On the day of arrival, in Verona, Elisa and Alessandro realized they had really made it crossing the world withouth catching any flight


Hi guys!

#1 year honeymoon travelling the world. How did this idea come from and who got it first?

We can say that we got the idea the very first time we met: we both love travelling and we were telling each other our past travel experiences when we had the feeling that something great could be done together… The second time we met, Alessandro gave me a book he loves about a man who travelled from Italy to Vietnam on a Vespa and 4 months after that we flew to Vietnam for our first trip together. Another 6 months after that, Alessandro proposed and, since I said yes, we then started thinking about our honeymoon and we really wanted to do something “bigger” than usual… Since I hate flying, Alessandro suggested a whole month of travelling without using any planes, but we couldn’t go far in a single month.. I was sure I couldn’t get that much time off work anyway so he kept making the idea even bigger, telling me I could just take 3 months of unpaid leave… It sounded impossible to me at first, but after talking about it for a while, we decided that with 3 whole months we could really do and see a lot (we had no specific country in mind, we were just hungry for the world in general!). I started thinking that, since I was asking, I might as well ask for 6 months of unpaid leave instead: that way we could pick a continent and discover its countries without flying. I didn’t love my job and Alessandro wanted to take a break from his 10 year career as a freelance photographer and learn even more about his life-long passion (photography) by travelling. One day, while we were looking at our world map hanging on the wall, we decided it was time to make it all real and make it even bigger: why not quit my job, put his on hold and leave without any limits of time? It sounded great and it was exactly what we wanted: a honeymoon around the world without flying (to make it even more romantic) with our only limit being the whole world ahead of us.



#2 What was the biggest challenge you had to face travelling for so long?

We can say without any doubt that making the decision to leave was the biggest challenge! In a time like this, leaving two stable jobs, giving up a rent and leaving for the uncertain surely didn’t meet everybody’s approval and it put us in the position of constantly wondering if we were doing the right thing…

While travelling the biggest challenges were adapting to the most uncomfortable things and finding the solutions to the weirdest problems: sleeping on buses that were running on bumpy roads all night, showering with cold water even if it was snowing outside, running away from a city in the desert that was being flooded, walking for hours trying to find a decent dentist that could fix Alessandro’s broken tooth (which broke with a simple slice of pizza!).

Hong Kong: one of the cities with the highest population density in the world

Hong Kong: one of the cities with the highest population density in the world

#3How did you meet the locals wherever you arrived?

In this trip we met many friends that we hadn’t seen for years and we also met people we didn’t know who were friends of Italian friends. But many times we met locals through church, or even on trains and bars sometimes.


#4 What did you learn from travelling for a year?

The most important thing we learned is that we function well together! With all the difficulties we went through together in this trip we can now be sure that we can handle everything else that will happen to us in the future. Moreover, we also learned that the world is mainly populated by good people rather than bad ones!


#5 Talking about 1st impressions, which country stole your heart and left you the best impression and emotion?

We both were amazed by the beauty of salar de Uyuni in Bolivia: a huge salt desert at an altitude of 4000 meters. We also loved Patagonia and we were really impressed by the wilderness of Mongolia.

Mongolia: wonderful landscapes went through the windows of the transiberian train, the longest railway in the world

Mongolia: wonderful landscapes went through the windows of the transiberian train, the longest railway in the world

#6 What would you suggest to anyone who would like to start a long period travelling?

Be very patient, pack light and enjoy every moment of it, even when you think it’s hard to adapt to something: always look forward and go on travelling!

Cerro Chacaltaya, Bolivia: 5300 meters high... a breathtaking experience!

Cerro Chacaltaya, Bolivia: 5300 meters high… a breathtaking experience!

#7 How was coming back home an how will it be coming back to your “normal life?

The moment we stepped out of our last train and into Verona station was great: hugging our parents and friends was really an emotional moment… now we’ve got to start over again: look for an apartment to rent, look for a new job, buy a car. It’s not going to be easy but we knew this was going to happen; anyway we feel a lot stronger now and most of all this trip gave us a new positive energy that will allow us to see everything through a different perspective.

#8 Everytime I come back home from a long trip I love discovering what is left in my pockets. Often it’s train tickets, supermarkets checks, sometimes postcards not sent, or small souvenirs forgotten. What did you find in your pockets when you came back home?

We found: a Danish hat, some US band-aids, a Mexican sun screen, a Colombian pencil, an Ecuadorian scarf, a Peruvian hard disk, a pair of Bolivian socks, an Argentinian pair of earrings, a Chilean razor, two Chinese t-shirts, two Mongolian cups, a Russian toothpaste, an Estonian fridge magnet, a Latvian pack of tissue, some Lithuanian gum, two Czech apples… and so much dust from all over the world!


#9 Would you do it again?



#10 Will you do it again?

We hope so, maybe with a few kids!


If you would like to know more about this great adventure, have a look at their blog, Coipiediperterra, to watch all their photos and read more about their travel.

Ushuaia, Argentina: thrilled when they reached the southernmost city of the world without flying

Ushuaia, Argentina: thrilled when they reached the southernmost city of the world without flying



Elisa e Alessandro si sono sposati l’anno scorso in Italia e subito dopo le nozze hanno deciso di lasciare tutto, la loro casa, il loro lavoro, la loro vita, per iniziare la più incredibile delle avventure: una luna di miele di un anno facendo il giro di mondo via terra. Dalla bellezza ordinata dell’Europa alle lande selvagge della Mongolia e della Patagonia hanno deciso di condividere con noi le loro impressioni ed emozioni più indimenticabili dell’esperienza di una vita.



alar de Uyuny, Bolivia: one of the most amazing landscapes they saw in the trip

alar de Uyuny, Bolivia: one of the most amazing landscapes they saw in the trip

#1 Ciao ragazzi! Una luna di miele di un anno, in giro per il mondo. Come e a chi è nata l’idea?

L’idea è nata la primissima volta che ci siamo visti: amiamo entrambi viaggiare e abbiamo immediatamente iniziato a parlare delle nostre esperienze di viaggio passate già da quella volta lì, sentendo subito che inisieme avremmo potuto fare qualcosa di veramente grande… La seconda volta che ci siamo visti, Alessandro mi ha regalato un libro che gli piace molto scritto da una persona che ha fatto un bellissimo viaggio dall’Italia al Vietnam in moto e quattro mesi dopo abbiamo preso l’aereo per il Vietnam: il nostro primo viaggio insieme. Dopo altri 6 mesi, Alessandro mi ha chiesto di sposarlo e, dopo avergli risposto di si, abbiamo iniziato a pensare al viaggio di nozze, che volevamo fosse una cosa un po’ più grande del solito… Siccome odio volare, Alessandro mi ha proposto di viaggiare per un intero mese senza usare aerei, ma effettivamente non si va molto lontano in un mese… Ero certa di non poter prendere tutte quelle ferie, così lui continuava a ingrandire la cosa e a dirmi che avrei invece potuto chiedere un’aspettativa di 3 mesi… Io pensavo fosse una cosa impossibile ma dopo averci pensato per un bel po’, abbiamo deciso che in 3 mesi avremmo potuto fare e vedere veramente moltissime cose (non avevamo in mente un paese esatto, avevamo solo voglia di vedere il mondo in generale!). Ho iniziato a pensare che già che c’ero potevo chiedere 6 mesi di aspettativa invece di 3: in quel modo avremmo potuto scegliere un continente e viaggiare al suo interno senza volare. Avevo un lavoro che non mi piaceva e Alessandro voleva prendersi una pausa dalla sua carriera decennale in qualità di fotografo professionista e imparare così, viaggiando, ancora di più sulla sua grande passione: la fotografia. Un giorno, mentre stavamo guardando il planisfero appeso al muro, abbiamo deciso che era arrivato il momento di smettere di sognare e di trasformare tutto in realtà, ingrandendo ancora di più il sogno: perchè non mollare tutto e partire, senza limiti di tempo? Pensandoci bene, era proprio quello che volevamo entrambi: un viaggio di nozze attorno al mondo senza volare (per renderlo ancora più romantico) e come unico limite il mondo davanti a noi.


#2 Quale è stata la sfida più grande che avete dovuto affrontare viaggiando per un periodo così lungo?

Senza dubbio, prendere la decisione di partire è stata la sfida più grande del viaggio! In un momento come questo decidere di mollare due lavori fissi, un appartamento in affitto e partire verso l’ignoto non incontrava l’approvazione di tutti e questo ci metteva nella posizione di chiederci costantemente se stessimo facendo la cosa giusta…

In viaggio le sfide più grandi sono state adattarci alle situazioni più scomode e trovare la soluzione ai problemi più strani: dormire su pullman che percorrevano strade dissestate per intere notti, farsi la doccia con l’acqua fredda mentre fuori nevicava, scappare da una città nel deserto che si stava inondando, camminare per ore cercando di trovare un dentista decente che potesse aggiustare il dente rotto di Alessandro (che si era rotto con un’innocua fetta di pizza!).



#3 Come incotravate la gente del posto?

In questo viaggio abbiamo incontrato molti amici che non vedevamo da anni e abbiamo anche conosciuto persone nuove, spesso amici di amici italiani. Ma molte volte abbiamo conosciuto gente attraverso la chiesa, o anche su treni e nei bar.

Amazon rainforest, Ecuador: a local family helped them to discover the rainforest and also hosted them in their home

Amazon rainforest, Ecuador: a local family helped them to discover the rainforest and also hosted them in their home


#4 Cosa avete imparato viaggiando per un anno?


La cosa più importante che abbiamo imparato è che funzioniamo bene insieme! Con tutte le difficoltà che abbiamo superato insieme in questo viaggio possiamo essere sicuri che in futuro riusciremo a gestire ogni situazione. Inoltre abbiamo imparato che il mondo è popolato più da gente buona che da gente cattiva.


#5 Parlando di prime impressioni, quale paese vi ha rubato il cuore lasciandovi le più belle impressioni ed emozioni?

Entrambi siamo rimasti molto colpiti dal Salar de Uyuni, in Bolivia: un’enorme distesa di sale ad un’altitudine di 4000 metri. Ci è molto piaciuta anche la Patagonia e ci ha sorpresi quanto la Mongolia sia incontaminata.


Chichen Itza, Mexico: one month between nature and Maya ruins

Chichen Itza, Mexico: one month between nature and Maya ruins

#6 Cosa suggerireste a chi vuole iniziare un lungo viaggio?

Sii paziente, non portati troppo peso e goditi ogni momento del viaggio, anche quando pensi che sia troppo difficile adattarsi a qualcosa: guarda sempre avanti e continua a viaggiare!


#7 Come è stato il ritorno a casa e comesarà il ritorno alla vita normale?

Il momento in cui siamo scesi dall’ultimo treno, alla stazione di Verona è stato bellissimo: riabbracciare i nostri genitori ed amici è stato un momento speciale… ora dobbiamo ricominciare tutto: cercare un appartamento in affitto, cercare nuovi lavori, comprare una macchina. Non sarà facile ma sapevamo che sarebbe arrivato anche questo momento; in ogni caso ci sentiamo molto più forti ora e soprattutto, questo viaggio ci ha caricati di una nuova energia positiva che ci permetterà di vedere tutto con occhi nuovi.


Pacific Ocean: 28 days of ocean around them

Pacific Ocean: 28 days of ocean around them

#8 Ogni volta che io ritorno a casa da un lungo viaggio amo scoprire cosa è rimasto nelle mie tasche, tesori nascosti di vita quotidiana perla strada. Spesso sono biglietti di treni, scontrini di supermercati, a volte cartoline non spedite o souvenir dimenticati. Cosa avete trovato nelle vostre tasche al vostro ritorno?

Abbiamo trovato: un cappello danese, dei cerotti statunitensi, una crema solare messicana, una matita colombiana, una sciarpa ecuadoriana, un hard disk peruviano, un paio di calze boliviane, un paio di orecchini argentini, un rasoio cileno, due magliette cinesi, due tazze mongole, un dentifricio russo, un magnete da frigo estone, un pacco di fazzoletti lettone, della gomma da masticare lituana, due mele ceche… e tanta tanta polvere da tutto il mondo!


#9 Lo rifareste?



#10 Lo rifarete?

Speriamo di si, magari con i nostri figli!

The Great Wall, China

The Great Wall, China

Se la loro avventura vi ha affascinato volete saperne di più, date un’occhiata al loro blog, Coipiediperterra, con tante foto e tutti i loro racconti di viaggio


Add comment




Comment Submit