Home / Posts tagged 'argan oil'
Manu | 30 January 2013 | 4 comments


Colours of the Tannery, in Fes

DDirection : Fes

Arriving to Fes the day after the celebration of Mohammed’ birthday, basically the Arabic Christmas, and entering the labyrinth of its old Medina, getting lost among its narrow streets, absorbing unknown scents, getting under the attentions of the people standing there, admiring the Arabic art of some of its most beautiful buildings and hearing the sound of the prayers in the Mosque all morning has been like being transported into a different world.


Daily life in Fes

Fes is a happy and enchanting mix of Arabic and Southern European life. After having crossed Europe in winter in places that looked like ghost towns, it’s weird but also joyful to see so many people in the streets, all day and all night busy with talking to each other, walking, observing, drinking tea or coffee.

The weather has no been amazing so far. The first day in

The Moroccan way

Fes was really raining so much that our tend got flooded at night. At the camping, we really didn’t feel like we were in Morocco at all! That was until we step in the old town. It was Friday morning, holy day for the Muslims and the day after their main celebration. The weather was cloudy and heavy rain was falling in town, the atmosphere was calm and peaceful in the early morning and it made us feel comfortable to get a dive into the enchanting and mysterious atmosphere of the old Medina.

A Cafe’ in Fes, only with men

Before entering it, we had a great coffee in a pastry and bar shop. The place was huge, and even though it was so early, it was already full of men sited at their tables looking outside, drinking coffee or tea, chatting to each other or reading the newspaper. It was weird not to see any woman in the bar, except for the one selling the cakes. Here in Morocco the bars look like men territory. I didn’t try yet to enter in one of them, but tomorrow can be the day as I’d like to see the football match beetween Morocco and South Africa. We just discovered the Africa Cup is on these days. Everywhere in town people watch football, screaming at the television, smiling of getting upset but just creating an amazing atmosphere that involves everyone around, just like during the World Cup. This makes being here even cooler, especially in this period.

At the moment of writing, I am with Jon downtown, in a hotel watching Algeria -Togo; we are in the lobby of a hotel, as we thought it might be easier for me to get a spot as well, but just outside the hotel lots of people are watching the match at the bar.


A typical corner of fes Old Medina

Back to the streets of Fes, as soon as we stepped in the old Medina, we got transported back in time, in an unknown era belonging to the ancient past.

It was like a labyrinth where getting lost was easy and ordinary. In every corner we turned here were small shops small enough to contain only one person inside, selling all kind of food or goods. The scents of pastries and unknown kind of delicacies was filling the streets and our senses, while we were all trying not to loose the sight of each other on the way. In that place I felt like all my senses were suddenly awake trying to catch the soul of that place and of those sensations and keep it forever.

It was easy to get lost or to loose the others as everything around me mesmerized me. Leather is one of the typical products of Fes, and looking inside a leather shop where all kind of coloured clothes and accessories where sold was just incredible. So we got to the Tannery, the most fascinating of all the spots of this awesome town.

In order to get the view of it, we had to go all the way up to a 3 floor of a huge leather shop. Once there, from an open balcony that was part of the shop, we got the stunning view of the Tannery. Simply amazing and breathtaking. I don’t know why but I got really impressed by this place. Once, I saw it on an old book of the time I was a kid, and I remembered at that time it looked like so far away and so beautiful. Well, yesterday I was there, in that far away place of my geography book, and it kept taking my attention on it for hours.

The Tannery, the most spectacular place of old Fes

The tannery of Fes is the most ancient leather tannery in the world and it still look like how it was back in the 11th century.

Colours, smell and shapes, all about the Tannery

The tannery is composed of numerous stone vessels filled with a vast range of dyes and various odorous liquids. Skins of sheep and goats are processed in them, turning them into high quality leather products such as bags, coats, shoes, slippers and other similar products. All this job is achieved manually, without the need for modern machinery. It was pretty impressive to look at a guy working under the rain in one of the vessels for hours with his hands and feet in the coloured water, and I guess this gets even worse in summer, when this job has to be made at 40 degrees.

The view of the tannery from the top balcony was impressive, decadent and gothic at the same time, it brings my mind back in time of century before throwing me in the present days of Morocco.

Skins put to dry

It was certainly the place I loved the most and that astonished more.

Drinking tea at the carpet shop

Our local guide, a certain Mohammed (just according to the guides’ names of this trip so far), brought us around the Medina all day. He tried to get us in some business at a local carpet shop, where the owner of a massive place full of carpets first told us the story of the carpets and then, even if we already told him we didn’t want to buy anything, tried to convince all of us to buy the carpet of our life. It was funny to have a conversation with this real business man: when I told him I couldn’t buy the carpet as I was travelling, he told me that as not a problem as he could send it at home by courier, then I replied him I even didn’t have a home right now, and he insisted telling me not be worried about it, as they could store my carpet until I would have got back and get a new address. It was impossible to get rid of his solutions, except for one sentence, who made him go away immediately: “I don’t have money!”.

The beauty of old people faces in Morocco , like a painting

Amazing Fez, incredible mix of old, ancient, weird and amazing. It confuse you with its narrow streets, and it astonish you with the view of its most amazing spots, like the University and the Tannery. It makes you feel small and unknown and also friend of its people if you give them the possibility to get in touch. An old man tried to buy me for 1500 camels, as he thought I was Moroccan. That’s the question I am asked in this place at least ten times per day, if I am Moroccan. It’s seems to be confused for one of them, people smile at me, even the women as they recognize me for belonging to them. When I reveal them I am Italian, they all speak some Italian to me, telling me the story of someone they know or of themselves when they have been in my country.

The atmosphere in town, even in the new one, is still very familiar for me, it still reminds me of the South of Italy, of my country, for a lot of things and it’s a nice sensation to look familiar to them and get it back as well.

I love this country already!

Playing with my camera and a shop mirror

Green Morocco, the one you don’t expect

Arrivare a Fes il giorno dopo i festeggiamenti per la nascita di Maometto, praticamente il Natale Islamico, ed entrare nel labirinto della Medina vecchia, la parte vecchia della città, perdendosi tra l’intreccio disordinato delle sue stradine strette e complicate, ponendosi all’attenzione della gente del luogo, assorbendo gli odori sconosciuti del posto, ammirare l’arte araba dei suoi edifici più famosi e ascoltare il mormorio costante delle preghiere o del muezzin che richiama tutti alla Moschea e’ stato come essere catapultati in un altro mondo.

Fes Old Medina

Fes e’ un misto incantato e felice di mondo arabo e vita sud mediterranea. Dopo aver attraversato l’Europa d’inverno ed aver camminato per le strade di alcuni paesi che sembravano fantasma, è strano ma anche gioioso vedere così tante persone nelle strade, giorno e notte sempre impegnati a chiacchierare, osservare, bere te’ o caffè. Il tempo non è stato un granché fino ad ora. Il primo giorno a Fes una pioggia infinita e scrosciante ci ha accompagnato tutto il giorno e la prima notte la tenda si è allagata. Al campeggio, nessuno di noi si sentiva veramente in Marocco ma questa sensazione è durata solamente fino a quando ci siamo diretti nella città vecchia. Era venerdì mattina, giorno sacro per i musulmani, e ancora di più essendo il giorno dopo il loro Natale. Il tempo era nuvoloso e una pioggia pesante stava cadendo in città dalla notte prima, l’atmosfera era calma e tranquilla di prima mattina e ci faceva sentire a nostro agio il dover tuffarci nell’atmosfera incantata e misteriosa della vecchia Medina.

Street stalls along the Old Medina selling sweets

Prima di entrare, abbiamo sorseggiato un caffè buonissimo in un bar locale. Il posto era grande e anche se così presto era già pieno di uomini seduti ai tavoli che guardavano fuori, chiacchieravano tra di loro o leggevano in giornale. È stato strano non vedere nessuna donna nel bar, a parte quella che vendeva i dolci. Qui in Marocco i bar sembrano territorio maschile, non ho ancora provato ad entrare in uno, ma domani potrebbe essere il giorno, perché vorrei vedere Marocco- Sud Africa, partita della Coppa d’Africa che si sta giocando in questi giorni. Ahsi, perché abbiamo appena scoperto che si sta giocando la Coppa d’Africa in questi giorni. Ovunque in città, la gente guarda partite di calcio, grida alla televisione, sorride o si arrabbia , creando un’atmosfera molto simile a quella dei Mondiali e che rende la nostra presenza in questo periodo ancora più stupendo.

The entrance of the old temple

Tornando a Fes, appena siamo entrati nella Medina, siamo stati trasportati indietro nel tempo, in un’era sconosciuta appartenente ad un passato antico.

La Medina antica è come un labirinto dove perdersi è facile e normale. In ogni angolo ci sono negozietti o bancarelle talmente piccole da poter contenere solo una persona all’interno. L’odore caldo e fragrante di dolci sconosciuti riempie le strade e i sensi, e rende ancora più difficile cercare di non perdere di vista con gli altri. In quel posto sembrava come se tutti i miei sensi si fossero all’improvviso svegliati, cercando di catturare l’anima della città e di quelle sensazioni, per poterle tenere con me per sempre.

È facile perdersi o perdere gli altri nella Medina, visto che tutto intorno a me mi colpiva per un qualsiasi motivo.

Skins in the Tannery

La pelle è il prodotto tipico di questa città, ed entrare in un negozio di pelle pieno di qualsiasi tipi di accessorio di qualsiasi colore è incredibile. Siamo entrati nella Tannery, la conceria, il posto più affascinante di Fes. Per arrivare sulla terrazza da cui si possono vedere le vasche piene di colore, si deve prima passare attraverso tutti e tre i piani di un negozio di pelle che vende praticamente di tutto, in tutte le taglie e di tutti i colori.

Un volta sul terrazzo, la vista meravigliosa e particolare della Conceria toglie il respiro. Semplicemente incredibile. Non so perché, ma questo posto mi ha davvero impressionato. Una volta lo avevo visto su un vecchio libro d geografia e su delle vecchie cartoline, e ricordo quanto lontano e strano mi era parso a quel tempo. Ebbene, ieri ero lá, in quel posto remoto del mio libro di geografia.

La Conceria di Fes è il posto più antico di lavorazione della pelle nel mondo. Ancora oggi appare proprio così come era nell’unidicesimo secolo.

È composto di numerose vasche piene di tinte ed odori diversi, dove si lavorano pelli di pecore e capre per trasformarle in accessori di pelle pregiatissima e di alta qualità come borse, giacche, scarpe, ed altro. Il tutto è ancora lavorato a mano, senza nessun macchinario moderno. Impressionante è l’unico modo per descriverne la vista, così come impressionante é stato osservare un uomo che lavorava nelle vasche sotto la pioggia, per ore con le mani e i piedi nel liquido colorato, e immaginare questo in estate, con 40 gradi.

La vista della conceria da quel balcone, sotto la pioggia scrosciante, stupenda eppure decandente e quasi gotica è forse uno dei panorami umani ed urbani che finora più mi ha colpito di questa città e di questo paese in generale.

Smelling strong spices in a spice shop

La nostra guida locale, un certo Mohammed (tanto per cambiare), ci ha portati in giro per la vecchia Medina per tutto il giorno. Ha provato a farci fare affari con il proprietario di un negozio di tappeti, che possedeva uno dei negozi più grandi e belli della città vecchia. Il tipo, dopo averci raccontato tutta la storia del posto, ha provato invano a venderci uno dei suoi preziosissimi tappeti. Era impossibile contrattare con lui, perché aveva una soluzione per ogni risposta. Quando gli ho detto che non potevo comprare il su tappeto di 5000 euro perché stavo viaggiando, mi ha detto che non era un problema, perché poteva spedirlo direttamente a casa con un corriere postale, allora gli ho gli ho risposto che non avevo un indirizzo stabile perché mi ero appena trasferita dalla città dove avevo vissuto sin ora, e lui di nuovo mi ha ricordato che neanche quello era un problema , perché in quel posto potevano conservare il tappeto anche per 2 anni, fino a quando avrei avuto un nuovo indirizzo. Insomma, l’unico modo per liberarsi di lui e’ stato quello di dovergli dire che non avevo soldi. In questo modo si e’ defilato in un batter di ciglia.

A barber shop in the Old Medina

Stupenda Fes, un misto incredibile di vecchio, antico, strano e bizzarro. Ti confonde con le sue stradine strette, ti meraviglia con la vista di alcuni dei siti più belli del mondo, come l’università araba e la Tannery. Ti fa sentire piccolo e sconosciuto ed anche amico della sue gente se gli offri la possibilità di stupirti e conoscerti. Un vecchietto ha provato a comprarmi per 1500 cammelli, perché pensava fossi marocchina. Questa è la domanda che m viene fatta almeno dieci volte al giorno, se sono o no Marocchina. Ogni volta la gente pensa che io sia del posto e quando rivelo che sono Italiana, mi raccontano tutti la loro storia o quella della loro famiglia in Italia. L’atmosfera in città è molto familiare, mi ricorda il Sud Italia, il mio paese e diventa sempre più familiare man man che passano i giorni.

In Fes with part of the group

Lo amo questo Marocco.