Traveling and the art of story telling.

Home / Posts tagged 'fun stories about traveling'
Manu | 19 January 2015 | no comments

 6 Funny travel stories and how I became a story teller

One of the greatest things of traveling is surely the memories you bring back home for the rest of your life. They say traveling transforms you in a story teller and as soon as you start traveling you can experience how true it is.

My friends usually laugh at me when I start my conversations always with a: ”Once I was in the middle of nowhere in a forest in Africa, or in the desert, or on top of a mountain, or at the end of the world…”, they consider funny the fact I never have a normal story to tell like normal people do. I never start my stories with a : “Yesterday I was in the supermarket ……”. and to tell you the truth, I am so happy for this.

That´s how it is. That‘s probably what makes traveling so addictive, what keeps all of us travellers around the world longing for being back on our days on the road, when we are free and happy, when our traveling and story telling souls shaped themselves and made us becoming what we are now.

Here it is a random list of those stories I always start my conversations with. Sometimes people look at me like I am crazy. Sometimes I feel crazy myself. Most of the times it all just about feeling good! It reminds me a little of the movie The big Fish. Only those who travel can really understand.


Once I got lost in a forest on a small island in the South of Denmark.

It was a crazy summer of friendship and adventures with my friend Laura. We left Copenhagen happy to go far away from these city, “they all look the same”, I said on the train.

We then got left by a bus at the beginning of a forest in the middle of the Danish nowhere, on the tiny unknown island of Moen, and told our hostel was far inside the forest. It was 8 o’clock in the evening and it was starting to get dark. We started to walk in the forest with the clear sensation something would go wrong for sure. And so it did.

The hostel was not there where we thought, it was much further, we got rescued by a French couple who hosted us in their caravan in the forest, cooking Nutella crepes for us. The day after we left them and kept going, looking for out hostel in the middle of the forest. When we arrived there it was too early and the reception was still closed. So we decided to leave out backpacks there and go to see the not so famous white cliffs of Moen. On the cliffs we met the French couple again and we spent all day with them, singing and chatting on the cliffs. When we came back to the hostel in the evening it was too late and the reception was already closed. There was nothing to do for us rather than sleeping in the lobby. Another French couple who passed by borrowed us some spare mattress from their room and we went in the dark living room to sleep on them. But a storm started. Strange noises from inside and outside kept us awake all night, so the morning after at 6 we decided to leave. As soon as we tried to get out of that place an incredible storm hit the place again. It was a nightmare. And it was impossible to leave that place. We decided to go anyway and when we reached the main road we discovered that there was no bus passing there and that the nearest bus stop was in the nearest village, 10 kms far away. What did we do then? We walked.

Read the full story and see all the pictures HERE.

Getting lost in Denmark doesn't happen to everyone!

Getting lost in Denmark doesn’t happen to everyone!

Once in Ushuaia, at the end of the world, I had a motorbike crash

On the very first evening I arrived in Ushuaia, I met Chris, an American crazy dude from New Mexico who had been traveling by motorbike for six months across all South America in order to make it to Ushuaia and bring the ash of his dad to the end of the world.

We talked a lot and after a couple of days he offered me a ride to reach the Southernmost point of the continent. It had been snowing the night before and the road was icy. It was great to leave Ushuaia bay on a motorbike, get that feeling of freedom in the place where Beauty reaches its highest point. The road was not in good conditions though and we had to slow down at it was really sliding. At a certain point we decided to come back, for security reasons, and it was on the way back that we lost the control of the bike and we slide on the floor for almost 80meters. Luckily there were no cars behind us. The only car that passed by was that of the rescue team who had gone to pick up a guy who had a crash few hours later. The car saw us and they stopped us to help. I was on the floor and I saw all of them coming towards me, including the injured guy who had had the crash. He tried to help me with his face still full of blood. I got scared a lot that day, but luckily nothing was broken and it all finished with a huge knee contusion that made the rest of my trip more difficult but managed to go back home safe. It was also a great lesson, not to risk more than the due, when traveling. Especially if traveling alone, in far away lands. Luck helps those who are wise and take care of themselves.


Once I went from a small town in the middle of nowhere called Koundhara to Conakry, the capital of Guinea, in a shared taxi with 18 people in one car.

It remains the most incredible journey of my life. Only in Africa. The journey was so absurd and the story is so long that you better read it all HERE.

18 hours on some of the worse and unknown roads of Africa, of the world probably, first in the middle of a forest and then in the middle of the darkness, sharing our humanity with people who travel those extreme conditions every day, without complaining. Forget the air conditioning, the comfortable sits, the space to sleep and the stops to get something to eat. There was nothing of it on that car. You just had to hope not to get a cramp for staying for so many hours still in that car, bumping around at every hole on the road in an average temperature of 45 degrees. At a certain point, at half of the journey around midnight, the driver felt sick and the guy who had spent all day in the luggage space decided to drive. He took the control of the situation in his hands and drove all of us to Conakry before dawn, before the entrance of the town would be closed due to riots for the political elections of few months later. He took the decision to stop for few hours before entering the town and wait the first prayer of sunrise so that we could meet less police on the road. So much humanity shared with those people and with those met on the way, so many moments that made me feel like a human being who simply shares this planet and this life with other human beings. A great life lesson never to be forgotten.

The moment in Africa I realised that besides the 14 in the eared taxi there were 4 more on the roof of the car. Unforgettable!

The moment in Africa I realised that besides the 14 in the eared taxi there were 4 more on the roof of the car. Unforgettable!

Once, on the Orkney Islands I almost missed the last boat to Scotland.

In 2004, after having been working in Edinburgh all summer, I decided to take my first solo trip ever to go around Scotland. The aim was to reach the end, of course, as usual, and the end of Soctand was certainly that little group of islands in the North known and unknown as the Orkney Islands.

I fell in love with that place so much. Stunning landscape, history, gentle people..everything was amazing up there.

On the last day, I was wandering in Kirkwall when I met my hostel room mate, a very interesting woman who had been sent up there as part of a police protection programme as she was involved in some sort of secret missions.She invited me to have a cup of the together. So it happened that when I started to walk in town I met one of the bus drivers of the island. There were only 4 drivers at the orkneys at that time and of course, after a week, you finish to know them all. He called me and asked me what the hell I was doinh there, if I was planning to go back to Europe or what. I said yes and asked why and he told me in less than an hour the last boat to Scotland mainland would leave the harbour.

You can only imagine my face when I heard that. I jumped, said goodbye to my new friends, run tot he hostel, packed everything, run to the harbour to buy the ticket and jump on the boat just five minutes before departing, while in my mind I was already preparing the speech to my mum inc ase I would have missed the boat, to inform her I’d spent my next six month on a tiny island of the Northern Sea where she even didn’t know I was.

The full story HERE

The orkneys islands and the risk to stay there for the whole winter were unforgettable

The orkneys islands and the risk to stay there for the whole winter were unforgettable

And once, in Patagonia, I took a 28 hour no stop bus…

The bus went from Bariloche to El Calafate, crossing almost half of Patagonia, and never stopped. There was a toilet on the bus and they gave us food. It never stopped and there was nowhere where it could stop. It was going through the whole Pampa. We were right in the middle of nowhere. I was traveling alone at that time and on the bus I was the only one, as it was low season. Traveling alone for 28 hours no stop on a bus while crossing some of the most remote parts of the world was …wonderful. It made me feel so small. But so alive. The Nature around was enchanting my sights, the silence, the awareness to be somewhere in the real middle of nowhere, where nobody even imagine, the chance to have to disappear from the radar of civilization for a day and become a watcher of the surrounding was a great alienating feeling of loneliness and peace. As much as the feeling of arriving at destination, breath the fresh air again, greeting people. Walking in the street. That was like a coming back to life after a parenthesis of unimaginable and oneiric daydreaming experience.

28 hour no stop bus travel remains my personal record no the road

28 hour no stop bus travel remains my personal record no the road

Once at the border with Liberia and Ivory Coast, I was offered gun powder when ordering an omelette.

The lady just didn’t know what we meant with omelette. I even did a representation of cooking an omelette, something you easily find everywhere in Africa, but everytime I said the word omelette, she was taking the gun powder from her desk , showing to us and say: “This one?”.

Photos and full story HERE

The day we went to look for food and found gunpowder.

The day we went to look for food and found gunpowder.

Once in Namibia, when it happened that my tend mate got the malaria, I slept in the hospital.

The nurses were coming to check her conditions every hour, day and night, and everytime they were entering the room they were asking her “How are you today”: But she was always sleeping under sedatives or medicine. So I was always replying to them, at night from the other bed,: “I am very good, thanks”.

Once, actually more than once, many times I slept under the stars at night, in a tent in the middle of nowhere in the desert or in the rain forests of Africa. The “middle of nowhere” feels a bit like home now, I saw the falling stars signing my paths, and the Milky Way showing me the road. I have seen the moon raising from behind the ocean and the sun dying in  the sunset light of the sea. Once I have been dancing with kids I didn´t know and ate from one bowl with people who offered me their lunch. I have been welcomed by strangers in their houses and hugged when I was going to leave. I have been given suggestions and advices, good-luck charmings and smiles. I have sang in the rain hugging fellow travellers in Scotland, danced traditional folk dance and played football in the forests. I got African hair made by African women, I have shared their lives and secrets, showed them my photos of their country, telling them the same stories I am telling you now. I have played drums with Africans next to a fire on a small island in the dark night of our beautiful planet, I have fell in love with those I met on the road, I have been sipping freedom, climbing mountains and sleeping next to the ocean. I have been laughing hard sited on a rock in the desert or on a rooftop of a metropolis  watching and loving every single moment of my life on the road. I have experienced humanity everywhere I have been and all these stories, adventures, people, feelings and moments have made me a story-teller.

I like to imagine my stories like the place where two worlds meet and touch each other for the first time.

And every time these two worlds meet, everytime I travel, I feel alive.



Una delle cose più belle del viaggiare è sicuramente il ricordo che ci si porta dentro per il resto della nostra esistenza. Dicono che viaggiare ci trasformi in narratori, cantastorie di avventure perse nel tempo e nello spazio, e solo incominciando a viaggiare ci si può rendere conto di quanto sia vero.

I miei amici a volte mi prendono in giro perché, dicono, le mie storie non cominciano mai con un banale “ Ieri ero al supermercato quando…”, ma sono sempre molto più intriganti e spesso cominciano con un quasi paradossale “Una volta ero nel bel mezzo del nulla in una foresta in Congo, o nel deserto del Sahara o sulla cima di una montagna alla fine del mondo…”, e, se proprio devo essere sincera, di questo sono proprio orgogliosa e felice.

Questo è probabilmente ciò che non ci fa stancare mai di viaggiare, ciò che, a noi viaggiatori sparsi per il mondo, ci fa sognare di tornare ogni volta per la strada, ai nostri giorni di libertà in giro per il mondo, lì dove i nostri racconti di viaggio prendono forma e ci plasmano l’anima.

Ecco una lista di alcune storie con cui a volte comincio le mie conversazioni. A volte la gente mi guarda come se fossi pazza. A volte io stessa mi sento pazza. Ma la maggior parte delle volte questi racconti mi fanno stare bene e spesso mi ricordano il film The Big fish… Solo coloro che viaggiano possono veramente capire.

Una volta mi sono persa in una foresta su una piccola isola della Danimarca

Un’estate indimenticabile di amicizia e avventure, quella del 2005 con la mia amica Laura. Avevamo lasciato Copenhagen felici di andar via da queste città “tutte uguali”, come le avevo definite mentre salivamo sul treno che ci portava a Sud.

Qualche ora più tardi un autobus ci lasciava all’entrata di una foresta, nel bel mezzo del nulla danese, sulla minuscola e sconosciuta isola di Moen, alla ricerca dell’ostello che tutti dicevano fosse da qualche parte nella foresta. Erano le otto di sera e stava iniziando a far buio. Quando ci eravamo incamminate nella foresta avevamo entrambe la sensazione che qualcosa sarebbe andato storto di sicuro. Ed infatti, così fu.

L’ostello non era dove pensavamo fosse, ma molto più lontano, ma per fortuna una coppia di ragazzi francesi incontrati per caso, cambiò il corso degli eventi. Ci offrirono ospitalità nel loro camper e ci preparano persino crepes con la nutella. Il giorno dopo, di bon mattino, li lasciammo, alla ricerca del nostro famoso ostello. Quando lo trovammo, perso tra i fitti boschi dell’isola, la reception era ancora chiusa, così decidemmo di lasciare gli zaini lì ed andare a vedere le famose isole di granito per cui l’isola ‘ più o meno famosa. Sulle scogliere ritrovammo i due francesi e con loro passammo tutto il pomeriggio, a cantare e suonare ammirando il paesaggio struggente che si ergeva davanti ai nostri occhi.

Al nostro ritorno, la sera, trovammo la reception dell’ostello già chiusa. Non c’era altro da fare se non dormire nella lobby. Per fortuna un’altra coppia di francesi ci diede i materassi in più che erano nella loro stanza e così, materassi alla mano, andammo a dormire nel salotto dell’ostello. Quella notte, però, una delle tempeste peggiori a cui abbia mai assistito iniziò ad imperversare nei cieli della Danimarca. In quel salotto scuro e vecchio era impossibile dormire, si sentivano strani rumori venire dal piano di sopra, da fuori la porta e dall’esterno. Alle 6 di mattina decidemmo di andar via. Appena uscimmo dalla porta dell’ostello, la tempesta imperversò ancora più violenta di prima. Era diventato un incubo andar via da quel posto. Prendemmo un ombrello nella reception e decidemmo di scappare comunque, ma arrivate sulla strada principale, scoprimmo che non passava nessun autobus da quelle parti. Il più vicino era a dieci chilometri di distanza. Un vero incubo. Così ci incamminammo, da sole, di prima mattina, per dieci chilometri, zaino in spalla, alla ricerca dell’autobus perduto.

Se volete sapere tutta la storia, cliccate QUI.

in Denmark we got lost and I also lost all my css. This was the moment I realised it.

in Denmark we got lost and I also lost all my css. This was the moment I realised it.

Una volta, a Ushuaia, alla fine del mondo, ho fatto un incidente in moto

Avevo incontrato Chris, un pazzo americano del New Mexico che aveva viaggiato in moto per sei mesi attraverso tutta l’America Latina per portare alla fine del mondo le ceneri del padre morto da poco, la prima sera che ero arrivata a Ushuaia.

Avevamo subito fatto amicizia e dopo un paio di giorni mi aveva offerto un giro in moto per andare a raggiungere il punto più a sud del continente sud americano. La notte prima aveva nevicato e la strada, quella mattina, era ghiacciata. Lasciare Ushuaia in moto e assaporare quella sensazione di libertà lì dove la bellezza raggiunge il suo picco più elevato, era stato bellissimo.

La strada non era in buone condizioni e fin dall’inizio avevamo dovuto rallentare perché molto scivolosa. Ad un certo punto avevamo entrambi deciso di tornare indietro per motivi di sicurezza e purtroppo, proprio sulla via del ritorno, mentre andavamo molto piano, Chris aveva perso il controllo della moto ed eravamo entrambi scivolati a terra per più di 80 metri. Per fortuna non c’erano altre auto dietro di noi. L’unica auto che subito dopo era passata di lì era quella del rescue team, che ara andata a prendere un altro uomo rimasto ferito in un incidente un po’ più avanti. L’auto si era subito fermata ed erano tutti corsi ad aiutarmi, incluso l’uomo ferito, che aveva ancora il sangue in faccia.

Mi ero spaventata molto quel giorno, ma per fortuna, a parte una brutta contusione al ginocchio che mi avrebbe dato fastidio per il resto del viaggio, non avevo niente di rotto.

Quell’episodio è stato una grande lezione di vita. Non si deve rischiare più del dovuto quando si è in viaggio, soprattutto se si viaggia da soli. La fortuna aiuta i saggi che sanno prendersi cura di sé stessi.

Una volta sono andata da Koundhara a Conakri, la capitale della Guinea, in un auto condivisa con altre 18 persone

Rimane il viaggio più incredibile della mia vita. Succede solo in Africa.

18 ore di viaggio su alcune delle strade peggiori e sconosciute dell’Africa, forse del mondo, prima in una foresta di 200 km percorsi in 10 ore e poi nel bel mezzo dell’oscurità africana, di notte, condividendo la nostra umanità con persone che viaggiano in quel modo estremo ogni giorno, senza lamentarsi. Dimenticatevi l’aria condizionata, i sedili comodi, lo spazio per sonnecchiare e le pause per andare in bagno e prendere qualcosa da mangiare. Non c’era niente di tutto questo in quella vecchia Peageut e in quel viaggio. L’unica cosa da sperare era di non avere crampi alle gambe per via della posizione immobile adottata nell’auto, compressa da altre cinque persone sul mio stesso sedile, mentre per tutto il giorno si saltava sulle buche della strada dissestata con 45 gradi all’ombra.

Ad un certo punto. A metà del viaggio, verso mezzanotte, l’autista si era sentito male e l’uomo che aveva passato tutto il giorno nel bagagliaio della macchina, aveva deciso di prendere il controllo della situazione guidare lui fino a Conakri. Era riuscito a portarci in città prima dell’alba, prima che chiudessero le porte della città a causa di possibili riots per le nuove elezioni nel paese. Strategica era stata la sua decisione di fermarci per alcune ore, verso le 4 di notte e aspettare la preghiera del mattino per poter incontrare meno poliziotti sulla strada. L’umanità di quelle persone condivisa in quella buia notte africana, la sensazione di essere tutti parti di qualcosa che ci accomuna, il vivere su questo pianeta tutti nello stesso momento, l’essere uguali di fronte alla vita stessa, mi hanno forse cambiato per sempre.

One of the small dusty villages of Guinean first where we stopped for a break.

One of the small dusty villages of Guinean first where we stopped for a break.

Una volta, alle isole Orcadi, stavo per perdere l’ultimo traghetto per la Scozia

Nel 2004, dopo aver lavorato a Edimburgo tutta l’estate, aveva deciso di concedermi il mio primo viaggio in solitaria attraverso la Scozia, per andare alla scoperta di quelle terre che tanto mi affascinavano e che da allora sono rimaste una delle mie mete preferite di viaggio. Lo scopo, ovviamente, era di arrivare alla fine, come al solito, e la fine della Scozia era quel piccolo e sconosciuto gruppetto di isolette lassù, nel Mar del Nord, conosciuto, o sconosciuto, con il nome di Orcadi.

Mi ero innamorata delle Orcadi a prima vista. Paesaggi meravigliosi, storia, gente gentile….tutto aveva colpito il mio cuore.

Un giorno stavo girovagando per le viuzze di Kirkwall, la capitale, quando avevo incontrato la mia compagna di stanza dell’ostello, che mi aveva invitato a prendere un tè insieme. Era una donna molto interessante, finita lì perché parte di un programma di protezione della polizia in quanto coinvolta in qualche tipo di missione segreta di cui non poteva parlare. Era successo cos’ che, sulla strada verso il cafè, avevo incontrato uno degli autisti degli autobus dell’isola. C’erano solo 4 autisti alle Orcadi, all’epoca, e, ovviamente, dopo una settimana, si finisce per conoscerli tutti. Proprio lui dopo avermi salutato mi aveva chiesto che ci facessi lì e se ero al corrente del fatto che tra un’ora ci sarebbe stato l’ultimo battelo epr la terraferma scozzese prima della pausa invernale.

Immaginate solo la mia faccia nell’udire la notizia del giorno. In un batter d’occhio ero corsa via, verso l’ostello, avevo impacchettato tutto, ero corsa, zaino pesante in spalla, verso il porto, fatto il biglietto e saltato su quel battello cinque minuti prima che salpasse, mentre in testa mi preparavo il discorso che avrei dovuto fare mia madre in caso lo avessi perso e sarei dovuta rimanere alle Orcadi per tutto l’inverno.

Eccovi QUI la storia e le fotografie di quell’indimenticabile avventura.

E una volta, in Patagonia, ho viaggiato in autobus per 28 ore no stop…

L’autobus andava da Bariloche a El Calafate, attraversando quasi mezza Patagonia, senza stop. C’era un bagno sull’autobus e davano da mangiare, come su una aereo. Non c’erano soste per la via anche perché non c’era nessun posto dove fermarsi. Era solo Pampa e la dovevamo attraversare tutta. Ero per giunta anche da sola su quell’autobus, perché era Aprile, bassa stagione per la Patagonia del sud, dove si era alle porte dell’inverno.

Viaggiare da soli su un autobus per 28 ore senza sosta attraverso terre remote, mitiche e lontane è stato….meraviglioso. Mi aveva fatto sentire così piccola, ma anche così viva. La natura intorno mi incantava la vista, mentre il silenzio, la consapevolezza di essere da qualche parte nel nulla, dove nessuno potrebbe mai immaginare, la possibilità di scomparire dal radar della civilizzazione per un giorno e diventare spettatore del mondo che ci circonda era stat una sensazione meravigliosa di alienazione, solitudine e pace. Così come la sensazione di arrivare a destinazione, ritornando alla vita dopo una siffatta parentesi di inimmaginabile e onirica esperienza.

Lots of hours spent on the bus in Patagonia, but well worth the final view.

Lots of hours spent on the bus in Patagonia, but well worth the final view.

Una volta, al confine tra Liberia e Costa d’Avorio, mi è stata offerta polvere da sparo mentre ordinavo una omelette.

La donna africano del piccolo villaggio in cui eravamo arrivati non sapeva nemmeno cosa fosse un’omelette. Gli avevo fatto persino l’imitazione, ma ogni volta la signora continuava a prendere la polvere da sparo dal banco e a chiedermi se intendessi quella.

Una volta in Namibia, quando la mia compagna di tenda ha preso la malaria, ho dormito in un ospedale in Africa.

Gli infermieri venivano a controllare le sue condizioni ogni ora, giorno e notte, e ogni volta che entravano nella stanza chiedevano: “ Come stai oggi?”. Ma siccome lei era sempre sotto sedativi e dormiva sempre, ero sempre io a rispondere dall’altro letto: “Sto benissimo, grazie!”.

Una volta, anzi più di una volta, spesso ho dormito sotto le stelle, in una tenda in mezzo al deserto o nelle foreste tropicali d’Africa. Il “bel mezzo del nulla” lo concepisco un po’ come casa ora; ho visto stelle cadenti segnarmi il sentiero e la Via Lattea indicarmi la via. Ho visto la luna sorgere dall’oceano e il sole morire in mari di luce. Una volta ho ballato a piedi sporchi con bambiniafricani o e mangiato dallo stesso piatto con le mani con gente straniera che mi ha offerto il pranzo. Sono stata benvenuta da gente che non conoscevo nella loro casa e abbracciata quando ho dovuto dirgli addio. Mi sono stati dati avvisi e consigli, talismani e sorrisi da tutta la gente del mondo. Ho cantato sotto la pioggia abbracciando viaggiatori come me in Scozia, ho ballato le danze tradizionali dei popoli sconosciuti e giocato a calcio nelle foreste tropicali. Ho trasformato i miei capelli in trecce grazie alle donne d’Africa con cui ho condiviso le loro vite e i loro segreti, mentre gli mostravo le foto dei paesi da cui loro stesse venivano, raccontandogli le stesse storie che ora racconto a voi. Ho suonato il bong con la gente d’Africa attorno ad un fuoco su un’isola nella oscura notte del nostro bellissimo pianeta, mi sono innamorata di quelli incontrati per la strada, ho sorseggiato libertà, scalato montagne e dormito sull’oceano. Ho riso a voce alta seduta su una roccia in mezzo al deserto o sul tetto di un grattacielo di una metropoli europea, osservando, amando e godendo di ogni singolo istante vissuto in viaggio. Ho fatto esperienza dell’umanità della gente incontrata in ogni angolo del mondo e tutte queste storie, avventure, persone, emozioni e momenti sono quelle che mi hanno trasformato per sempre e fatto diventare ciò che sono adesso.

Mi piace immaginare le mie storie come il posto in cui due mondi si incontrano, entrando in contatto a volte per la prima volta. E ogni volta che questo succede, ogni volta che viaggio, è proprio quello il momento in cui mi sento maggiormente viva.