Pro and cons of living in Iceland

Home / Posts tagged 'hot dogs of iceland'
Manu | 2 September 2014 | 11 comments

It is now six month I have been living in Iceland. Not a lot for many people, but a long time for someone like me, considering in the past two years this is the longest time I have spent in the same place.

So far, Iceland has been gentle to me. It has embraced me with the good vibes it had always showed me in my previous visits to the country. It has given me a lot of inspirations for my life and for my future projects.

As for all the countries in the world, however, living here is not a bed of roses. There are a lot of pros and cons of living in such a remote place and here I am gonna give you a glimpse of what moving to Iceland really means.

Living in Iceland

Living in Iceland, what an adventure!

 

PROs:

 

Welcoming and gentle world

After so many years in Holland where the word “sorry” doesn’t exist on the mouth of its inhabitants, where people bump at you in the street throwing you on the floor and and leaving without even apologizing for it, it has been a pleasure to come back to a country where the good old fashion of apologizing is still an habit and considered a good manner. Even the kids tell you sorry if they bump on you in the local swimming pool. I know it is normal and I am glad at it, but I had just lost the habit in Amsterdam and now, everytime I hear it, I can’t stop appreciating it again.

Tolerance

Iceland is not a perfect world and many may argue there is still some sort of racism towards some people of other countries living here, like the Polish, but let’s face the truth, compared to the rest of the world Iceland is a very tolerant country, where everyone is well accepted and treated at the same levels like the others. We all have rights here. And in general everyone is treated good. Iceland is a country that treat you well as a person, as a human being, as a woman, as a white or as a black. Not much struggling happening for your rights. Something many countries should learn from.

Reykjavik Gaypride

Reykjavik Gaypride is a celebration of freedom and tolerance for all

 

Cheap bills

Yes, let’s admit it. Some countries in the rest of Europe would give everything to pay as little for their bills as Icelanders do. Electricity and water prices are something almost ridiculous compared to the rest of Europe: this is due to the wise use of the country natural resources, used for practical aims that can benefit everybody. Well done, little Iceland.

Blue lagoon

Iceland wisely use its natural sources such as hot water in a lot of different ways

 

Jobs

You may not have the best job in the world, but if you are looking for a simple job, it is not a big deal to find one here in Iceland. The cons of this is that many offer black paid jobs yet.

It is something very common in Reykjavik, especially in bars and restaurants, and it is almost astonishing for a Nordic country, it is good to make some cash of course but this helps the black job market as well, that around here is really spread. Well, black job market apart, when you move here, it won’t take you that long to find your first job. Many people in Iceland have two jobs, which is something not too difficult to get and to deal with.

People

Compared to their Nordic cousins from Norway, Sweden and Denmark, Icelanders are almost Mediterranean for their life attitude. You will find them much more open and talkative, curious and sociable, and not only when they are drunk but in their daily life as well. It is not that difficult to see Icelanders arriving late at appointments, something that makes me always smile as it remembers me so much of Italians and something you rarely see around Northern Europe. In general they are really a bunch of amazing people, funny and entertaining, almost all of them dedicated to some sort of art, and with a great perception of beauty, probably due to the Great Beauty surrounding them.

 

Icelanders

Icelanders are so more Mediterranean in spirit than their Nordic cousins

 

CONs:

 

Food

Jesus! I am not talking about the 5 Michelen star restaurants ( that by the way don’t exist here in Iceland), but I am talking about the daily food people east every day and that is one of the worse quality food I ever ate in my life. Going to the supermarket in order to find something eatable and tasty is a daily mission.

Most of the food is imported. The problem is that most of the food imported is really of bad quality. Since I am here I have stopped eating ham and salami, not to talk about cheese, that is something Icelanders definitely are not able to do at all, which is weird, considering the amount of cows and sheeps populating the country.

Vegetables are mainly imported, else frozen for months before reaching these lands. There are two kinds of vegetable you can find in the supermarkets. The ones who last forever, like apples and oranges, and with this I mean you can place them in the fridge and come back after one year and you will still find them in their hibernating shape and colours and the one who die by the time you go out of the supermarket and bring them home, like carrots, mushrooms and most of all salads.

Such a poor quality variety of food explains a bit why Iceland is the land of the junk food. The main dishes of the country are hot dogs and hamburgers. You will laugh when Icelanders proudly will tell you the story of how the MacDonald closed down few years ago, while attending to eat a disgusting hamburger at one of the many stalls that appear in the weekend in the street, serving some of the most horrible food you ever.

Yes, then there is the fish. Which is good. Icelandic fish is amazingly good. But, despite the fact you are on an Iceland, surrounded by fishes everywhere, nobody knows why it is also so damn expensive! Reason why you don’t eat a lot of fish, too.

Despite the uncounted she eps and cows in the country, iIelanders are really bad at making cheese

Despite the uncounted she eps and cows in the country, iIcelanders are really bad at making cheese

 

Weather

I mean, you are in Iceland. I always tell everyone you shouldn’t complain about the weather as when you came here you knew you were going to some sort of North pole weather place. However I have to admit some summer days while it was rainy cats and dogs, sheeps and horses for weeks and weeks, I have felt a bit depressed about the Icelandic weather. And even now, thinking that it is the end of August and people consider it already like the beginning of winter, it makes you feel a bit sad for them and for yourself. This is maybe due to my italian spirit, I know, but there are days I really miss the warm sun kiss of the heat on your skin, a week at the beach, those sweating summer nights sleeping without a duvet and with the window open. It is a way to feel the differences between the seasons. Here the feeling is often that the only difference between the seasons is the amount of snow you have or not on the streets.

weather in Iceland

Icelandic weather at its extreme

 

Taxes
Being a small island in the middle of the ocean and being out of the European union and of the North American one, means Iceland has to import and tax everything.
In Iceland you have to pay taxes for everything, even if you order anything online from abroad. The taxes on the goods you receive are sometimes more expensive than the goods themselves. When you send something abroad you have to pay taxes as well, when you buy something inland you pay taxes. That’s basically the reason why everybody consider Iceland a very expensive land. And so it is. This makes it isolated from the rest of the world. It is almost impossible to find websites that ship to Iceland. It is difficult to find some goods available everywhere else in Europe, because big companies decide not to deal with this country at all. Lately there has been the news that if you buy something online from Chinese websites you won’t be charged Icelandic taxes when you receive the goods. That’s the only business agreement this country has about taxes. That means you have to order your goods and wait for 3 months before you receive them directly from China. Great! Then after 3 months you will have your perfect, cheap Chinese thingi at home without taxes, wondering everyday how long it will pass before it will break and you won’t know who to complain to from far away Iceland. Sometimes i wonder who is the genius they have chosen to sign such amazing agreements!

Banks

There can be only one thing more annoying than taxes for foreign people living in Iceland: banks.
Icelandic banks are a nightmare. Despite the fact it is pretty easy to open a bank account here, especially compared to some more strict countries around Europe, this remains the only benefit Icelandic banks allow you. For the rest, you will find so many weird and stupid laws when entering an Icelandic bank that places like Cuba will look like liberal compared to it.
In Iceland you cannot transfer money abroad by using Internet banking. In order to do so you have to go to the bank and speak with someone, giving a good reason and often proving with a receipt the reason why you are sending money to another country, making up so many excuses that the entire situation will soon start looking ridiculous. For a foreign person who lives in a foreign country it is often vital being able to move money abroad. Think about those who have family abroad, or a business in another country.
In Iceland it is forbidden to move money on an account abroad with your same name. You may be able to move money abroad on the account of another person, but in order to do so you need to have a good excuse, explaining them it is a present or it is money used to buy a ticket and stuff like that. If you are new in the country they won’t allow you. If you have been in the country for a while you may have more chances your request will be accepted. But moving money on your personal account abroad remains simply impossible.
This of course is the result of the economic crash happened four years ago, when the country suddenly discovered it was bankrupt. It makes sense. Icelandic banks do not want Icelandic money to be moved abroad. But I strongly believe this should apply mainly to their citizens. Not to foreign people. Not to those who have not intention to live all their lives here, at least. Not to those who have other business abroad. It is the right of everyone to be the owner of his or her own money and decide where they belong to.
This is probably the cons that most annoy me here. And the fact there is not possibility to sort it out which , for a modern country in 2014 is something really dictatorial.

No big gigs

Iceland is a land of great music talent. Some Icelandic artists are some of the greatest musicians you can hear worldwide. It is cool to live here because you can enjoy them almost daily.
Unfortunately when it is about International music, tis country is totally ignored by big bands or big names of music. This year while Rolling Stones were rolling the summer nights of all Europe, the biggest name they had in Iceland was only Justin Timberlake, someone you can happily avoid to see for the rest of your life. And this, my friend, is sad. Very sad! 

Icelandic music

When it is about music, better to stick on local one!

 

 

Sono ormai passati sei mesi da quando mi sono trasferita in Islanda. Per molti non è tanto, ma per una come me che negli ultimi due anni non ha mai vissuto per più di due quattro mesi, questo è un risultato importante.

L’Islanda è stata gentile con me. Mi ha abbracciata riempendomi di energie positive che già nelle mie precedenti visite avevo avvertito.

Mi ha dato un sacco di ispirazione per la mia vita e per i miei progetti futuri.

Come per tutti gli altri paesi del mondo, tuttavia, ci sono pro e contro del vivere in un posto così remoto e qui di seguito vi darò un esempio di cosa significa veramente vivere in Islanda.

I PRO:

Un mondo gentile.

Dopo tanti anni in Olanda dove la parola “scusa” non esiste sulla bocca dei suoi abitanti, dove la gente ti spinge per terra e se ne va senza neanche girarsi, è stato un piacere arrivare in un paese dove la vecchia moda di chiedere scusa è ancora un’abitudine ed ancora considerata parte del galateo.

Persino i bambini chiedono scusa se ti urtano per sbaglio nella piscina comunale. Lo so che è normale e ne sono contenta ma in Olanda avevo perso l’abitudine ed ora, ogni volta che me lo sento dire, non riesco a smettere di apprezzarlo.

Icelandic culture is gentle even with the inhabitants of their parallel world, like elves and trolls

Icelandic culture is gentle even with the inhabitants of their parallel world, like elves and trolls

 

La tolleranza

L’Islanda non è un mondo perfetto e sicuramente c’è ancora una qualche sorta di razzismo nella società attuale, specie contro alcune persone di altri paesi che in massa si sono trasferiti qua sull’isola come i polacchi, ma guardiamo anche in faccia alla realtà: rispetto al resto del mondo l’Islanda è un paese molto tollerante, dove tutti sono ben accetti e trattati allo stesso livello. Abbiamo tutti dei diritti qui. E in generale siamo tutti trattati bene, L’Islanda in generale è un paese che tratta bene le persone, le tratta come essere umani, come persone. Non ci sono lotte difficile per affermare i propri diritti da queste parti. Molti paesi dovrebbero imparare dall’esempio islandese.

Le bollette 

E’ vero. Ammettiamolo. Alcuni paesi del resto dell’Europa darebbero tutto pur di pagare bollette così conveniente come quelle islandesi. L’elettricità e l’acqua da queste parti hanno dei prezzi ridicoli rispetto al resto del mondo, dovuti all’uso saggio delle risorse naturali del paese, usate per poter essere usufruiti da tutti. Ben fatto, piccola Islanda.

Skogarfoss and Icelandic water

Icelandic water is probably the most precious of all the sources of the country, allowing bills to be cheap and houses to be warm

Il lavoro

Potrai anche non avere il lavoro migliore del mondo, ma se si à alla ricerca di un lavoro semplice, beh allora trovarne uno in Islanda non è per niente un’impresa titanica. I contro di questa svariata possibilità lavorativa è che molti pagano a nero. E’ in realtà molto diffusa la moda di pagare a nero a Reykjavik, specie in bar e ristoranti e questa cosa ha dell’incredibile per un paese nordico. Comunque, lavoro nero a parte, quando ci si trasferisce qui non ci si impiegherà molto a trovarne uno. Molti in Islanda hanno addirittura due lavori, cosa abbastanza facile da avere e a gestire.

La gente

Rispetto ai loro cugini nordici di Norvegia, Svezia e Danimarca, gli islandesi hanno un animo quasi mediterraneo. Li si troverà molto più aperti e socievoli, curiosi e cordiali, non solo quando sono ubriachi ma in generale nella vita di tutti i giorni. Non è cosa difficile da notare che gli islandesi arrivano tardi agli appuntamenti, cosa che mi fa sempre sorridere pensando alla proverbiale puntualità nordica. In generale sono un a manciata di gente divertente, tutti dediti chi più chi meno a qualche forma di arte, e con una forte percezione della bellezza, forse dovuta anche alla grande bellezza di cui sono circondati.

I CONTRO

Il cibo

E non sto parlando dei ristoranti stellati Michelen, ( di cui l’Islanda a buon motivo è priva), ma del cibo di ogni giorno, quello che la gente mangia a pranzo e a cena e che qua è di una qualità pessima. Andare al supermercato e trovare qualcosa di decente da mangiare è un’impresa. La maggior parte del cibo è importato. Il problema non è questo, però. Il problema è proprio la qualità. Da quando sono arrivata qua ho praticamente smesso di mangiare affettati, per non parlare del formaggio, che è qualcosa che agli islandesi riesce proprio male, cosa stranissima tra l’altro, considerato il numero indefinito di pecore e mucche presenti sull’isola.

La verdura e la frutta sono per la maggior parte importate. Ovvero congelate forse per mesi prima di arrivare a queste latitudini.

Ci sono due tipi di frutta e verdura qua in Islanda: quelli che durano per sempre, come mele e arance che, scientificamente provato, possono stare nel frigo anche per mesi interi senza perdere né forma né colore. Eterne. E quelle che muoiono appena usciti dal supermercato, direttamente sulla via di casa, come carote, funghi e insalata.

Una così scarsa qualità di cibo spiega perché l’Islanda è la patria del cibo spazzatura. Qui il piatto tipico è l’hotdog o al massimo l’hamburger. Scoppierete a ridere quando sentirete gli islandesi vantarsi del quando il primo MacDonald del paese aveva chiuso i battenti 4 anni fa all’inizio della crisi, raccontandovelo mentre fate magari la fila a uno di quei chiostri che servono hamburger disgustosi per strada nel weekend.

Eh si, poi c’è il pesce, che si è buono, buonissimo ma che è anche carissimo, nonostante ci si trovi su un’isola che vive di pesca in mezzo all’oceano. Motivo per il quale non si mangia molto pesce in Islanda.

Hamburger (and hotdogs) can be sadly considered the typical Icelandic dish

Hamburger (and hotdogs) can be sadly considered the typical Icelandic dish

Il tempo

Lo so, se si vive in Islanda….dico sempre a coloro che si lamentano del tempo che se ci si trasferisce in posti simili lo si sa dall’inizio che il tempo non sarò né mediterraneo né clemente il più delle volte. Ma devo ammettere che ci sono stati dei giorni questa estate in cui ha piovuto così tanto e così a lungo che a volte ho davvero rimpianto il caldo. E persino ora, pensare che siamo solo a fine agosto e che qua si parla già dell’arrivo dell’inverno, a volte mette tristezza, e per te e per loro. Forse questo è dovuto alla mia anima italiana, lo so, ma ci sono dei giorni in cui mi manca davvero tanto la presenza del sole, il sentirlo sulla pelle e non intuirlo dietro le nuvole, il sentire il cambio di stagioni attraverso il cambio di vestito e non attraverso i metri di nevi che si sono depositati per strada.

Icelandic weather

Only if you are Icelandic you can dance in the cold rain

Le tasse

Essendo un’isola, per di più piccola e isolata, non facendo parte né dell’Unione europea né di quella Nord Americana, l’Islanda deve importare la maggior parte della merce di cui ha bisogno e per questo tassarla.

Questa cosa è davvero ingiusta. In Islanda si pagano tasse su tutto. Persino se si ordinano cosa da internet. A vole le tasse d ciò che si ordina sono più costose dell’ordine in sé

Si pagano tasse anche quando si fanno spedizioni all’estero. Questa è in generale la ragione per cui tutti considerano l’Islanda costosa. E lo è. E’ quasi impossibile trovare siti internet che fanno spedizioni in Islanda proprio per questo motivo. Molte compagnie decidono semplicemente di non avere a che fare con un paese con tasse così elevate. Questo è anche ciò che la isola dal resto del mondo. Negli ultimi mesi una novità è che si possono fare ordinazioni online da alcuni siti cinesi che spediscono la merce senza tasse dalla Cina. Questo significa che si deve poi aspettare anche 3 mesi prima di poter ricevere la propria merce cinese, sperando arrivi in buone condizioni perché altrimenti solo pensare di doverla rispedire indietro farebbe impallidire molti. A volte mi chiedo chi è questo genio che ha deciso di firmare un tale accordo.

Le banche

C’è solo una cosa peggiore delle tasse in Islanda. Le banche.

Le banche islandesi sono un incubo. Nonostante sia abbastanza facile aprire un conto in banca da queste parti, soprattutto se paragonato all’inter burocratico complicatissimo di altri paesi europei, questo rimane l’unico vantaggio offerto dalle banche islandesi. Per il resto, una volta aperto il proprio contro, si scopriranno così tante leggi e regolamenti stupidi che altri posti meno liberali dell’Islanda sembreranno un gioco da ragazzi a confronto.

In Islanda non si possono traferire soldi all’estero attraverso l’internet banking. Per farlo si deve andare in banca e parlare con un funzionario, dargli una buona ragione per crederti e spesso mostrargli una ricevuta del pagamento che si deve effettuare sul conto estero. Il conto però non può essere a nome proprio. Si può trasferire denaro, attraverso la banca, solo su conti a nome di altri, dopo aver inventato milioni di valide scuse.

Qui è praticamente proibito trasferire denaro su un conto a proprio nome all’estero. Se si è nuovi nel paese e si è arrivati da poco anche la prima soluzione è quasi impossibile.

Questo ovviamente è il risultato della crisi economica che aveva investito il paese quattro anni fa, lasciandolo in bancarotta. Ha anche un suo perché, ovviamente. Le banche islandesi non vogliono che il denaro islandese venga trasferito all’estero perché così facendo ne perderebbero possesso e controllo. Ma questo dovrebbe essere una legge solo per gli islandesi, non per gli stranieri e non per quelli che non hanno intenzione di vivere qua per sempre. Pensate a coloro che devono mandare soldi alle loro famiglie nel paese di provenienza e all’iter burocratico a cui sono costretti ogni volta. Non ha proprio senso. E’ un diritto di ciascuno essere padrone del denaro guadagnato e decidere dove appartiene.

Questa è forse la cosa che mi annoia più di tutte qua in Islanda. La trovo davvero dittatoriale per un paese che si vanta così tanto della sua apertura e tolleranza.

I grandi concerti

L’Islanda è una terra di grandi talenti musicali. Alcuni artisti islandesi sono anche alcuni dei più grandi musicisti al mondo. Ed è davvero stupendo vivere in una terra che ha radici così profonde nella musica.

Purtroppo però quando si parla di musica internazionale, questo paese è praticamente snobbato dai grandi nomi della musica. Questa’ estate, mentre l’Europa intera si eccitava per il ritorno sui palchi dei mitici Rolling Stone, il nome più importante che hanno avuto da queste parti è stato quello di Justin Timberlake….

E questo, ragazzi miei, è davvero triste!

Gus Gus

Such a pity Iceland is totally ignored by International music!

 

If you liked this post, you may find interesting:

My 1st impressions of Icelanders

My 1st impressions of Icelanders

 

  Few things about Icelanders

Moving abroad

Moving abroad

 

 Moving abroad, getting at destination 

Moving abroad in 6 little steps

Moving abroad in 6 little steps

 

 How to move abroad in 6 little steps

 

 

 

 

Click HERE to read a review of this article on the Icelandic Press